MISSIONE COMPIUTA, MA CHE SOFFERENZA

MISSIONE COMPIUTA, MA CHE SOFFERENZA src=

Quanti brividi al San Paolo contro i gallesi che già all'andata avevano dimostrato di poter far male al Napoli. La rete di Insigne, bellissimo il pallonetto dopo sedici minuti di gioco, ha fatto illudere un pò tutti nella convinzione di poter vivere una serata all'insegna della tranquillità. Ma dopo il vantaggio l'ottimo Swansea di Monk ha preso il sopravvento fino ad arrivare al pareggio con De Guzman. Solita poca copertura del centrocampo, pessimo stasera il duo Inler-Behrami con il primo a cui va attribuito soltanto il merito del terzo gol, e difesa tagliata a fetta da Bony che assiste alla grande il suo compagno di squadra. Una batosta non da poco con gli azzurri che hanno rischiato più volte di subire il colpo definitivo del ko. Per fortuna che la qualità nel calcio fa sempre la differenza, e gli ingressi di Mertens ed Hamsik nella ripresa hanno rivitalizzato tutta la squadra. Considerata la solita staticità di Pandev e la serata storta di Callejòn, il cambio di passo in avanti era garantito. Dall'incursione del belga nasce la rete di un indomito Higuain, che stasera è apparso meno preciso del solito ma ha trascinato tutti con la sua voglia e con una determinazione che solo i campioni veri sfoderano nei momenti difficili. Insomma, Benitez conferma di avere grande confidenza in campo europeo e non sbaglia l'appuntamento regalandoci la bellissima sfida contro il Porto. Al di là di tutto ciò rimangono i troppi brividi vissuti che hanno messo in bilico seriamente il passaggio del turno. A Rafa ci affidiamo per trovare le giuste correzioni atte a garantire solidità maggiore alla retroguardia. Senza dimenticare che la presenza di Jorginho in campionato permette di regalare un equilibrio maggiore ad un centrocampo che troppe volte sbanda. Intanto il progetto cresce spedito con l'intenzione di non subire più soste, la prossima fermata si chiama Livorno, e la vittoria non deve assolutamente sfuggire.

Translate »