RIPERCORRIAMO I PRECEDENTI ALLO STADIO ARDENZA

RIPERCORRIAMO I PRECEDENTI ALLO STADIO ARDENZA src=

Dopo un digiuno della bellezza di 73 anni, due anni fa, il 24 febbraio 2008, grazie ad una doppietta di Emanuele Calaiò, il Napoli è tornato a vincere sul campo del Livorno con il punteggio di 2 –1. Era addirittura dalla prima giornata di campionato ( Napoli – Cagliari 0 –2, 26 agosto 2007 ) che Eddy Reja non decideva di schierare dall’ inizio l’ attaccante palermitano di nascita, con il quale i rapporti non furono mai veramente idilliaci. Inoltre gli azzurri erano reduci da una brutta sconfitta interna con l’ Empoli per 3 –1, ed il successo in Toscana servì a stemperare qualche malumore di troppo che già cominciava a serpeggiare in Città. Dopo un primo tempo senza emozioni, al 57° raccogliendo di testa un invito su punizione di Hamsik, il centrattacco azzurro realizza il temporaneo 1 –0. I labronici reagiscono, e con una stupenda punizione dal limite Alessandro Diamanti ( oggi al West Ham di Zola ) pareggia i conti al 74°. Il Napoli però non si accontenta del pari, ed in pieno recupero ottengono una punizione fuori area sull’ out destro. Batte di nuovo Hamsik, la palla dopo aver attraversato tutto lo specchio della porta, sembra avviarsi sul fondo, ma con uno scatto bruciante la recupera Santacroce che la passa a Bogliacino. Nuovo cross dell’ uruguaiano e con un gol quasi fotocopia del primo, il funambolico Emanuele batte ancora di testa il portiere Amelia, scatenando l’ entusiasmo di tutta la panchina azzurra, oltre a quello del Pres. De Laurentiis seduto in tribuna. Era dal clamoroso exploit di Udine per 5 –0 del 2 settembre 2007 che gli azzurri non vincevano lontano dal S. Paolo, interrompendo così una lunga striscia negativa.

Ben più burrascoso fu invece il successo del 20 gennaio 1935. A metà ripresa una rete di Attila Sallustro realizzata in sospetto fuorigioco, esacerbò non poco il focoso pubblico di casa, tanto che a causa di una violenta contestazione il match venne sospeso per sette minuti. A dieci minuti dal termine poi, a seguito di una furiosa rissa collettiva, l’ arbitro prima dopo aver espulso due giocatori livornesi, decise di interrompere definitivamente l’ incontro. L’ 1 –0 finale venne così mutuato in un 2 –0 a tavolino. Una delle poche volte in cui il Napoli ha usufruito a favore ( e con contro ) di questa normativa… 

In tutto sono appena 17 ( di cui 4 in B ), perlopiù concentrati nell’ ante e nell’ immediato dopoguerra. Dieci sono le vittorie del Livorno contro quattro del Napoli, contornate da tre pareggi. Si comincia dal primo campionato a girone unico nazionale ( 1929 –’30 ), ed i labronici s’ impongono per 3 –0, con l’ ultimo gol realizzato dal livornese D.O.C. Mario Magnozzi, che totalizzò 29 presenze con l’ Italia di Vittorio Pozzo sul finire degli anni ’20. L’ anno dopo però, sarà la coppia d’ oro azzurra del decennio ( Vojak – Sallustro ) a regalare il successo al Napoli per 2 –1 ( 15 marzo 1931 ). Ancora e sempre il grande Attila il protagonista del match datato 25 –2 –1934 : è sua la marcatura al 19° del primo tempo per l’ 1 –0 finale. Dopo la tempestosa vittoria del 1934 –’35, il Livorno torna a vincere nel 1938 ( 1 –0 ) che nel 1939 ( 2 –0 ). Un gol di Quario permette il pareggio il 23 marzo 1941, ma nel 1942 si subisce un nuovo rovescio per 2 –0. Nel 1945 –’46 con il campionato diviso in due fasi, il Napoli fa visita al Livorno sia il 24 febbraio che il 7 luglio del 1946, ma ahimè subendo la sconfitta in entrambe le occasioni ( 1 –0 e 2 –1 ). Finalmente si conquista un pareggio per 2 –2 nel 1946 –’47, che però ha l’ amaro sapore della beffa, visto che i toscani agguantano gli azzurri a soli tre minuti dal termine ( per il Napoli andarono in gol Andreolo e Barbieri ).

Si torna a perdere sempre per 1 –0 sia nel 1947 –’48, che in B nel 1949 –50, nella stagione della promozione firmata Eraldo Monzeglio. Ancora in B nel 1964 –’65 la sconfitta subita nuovamente per 1 –0 dal Napoli di Pesaola alla fine portò bene, visto che a fine campionato saranno gli azzurri a risalire fra le “ elette “. Dopo un “ buco “di 38 anni, sempre nella serie cadetta, Livorno – Napoli torna a disputarsi nel 2002 –2003; finisce 1 –1 con il pareggio partenopeo siglato dal portoghese Vidigal. Nella stagione seguente invece, un Livorno lanciato ( dopo 55 anni ) verso una storica promozione, vince con un roboante 3 –0 con tripletta dello scatenato ex Igor Protti.

Come Emanuele Calaiò due anni orsono , anche German Denis per poche volte nel corso si questa stagione è sceso in campo dall’ inizio ; che sia un segno del destino ?. Il livornese di provincia Walter Mazzarri se lo augura di certo di tutto cuore…                    

 

Translate »