Lorenzo non è piu’ il Magnifico?

ACCUSA(Pm Luigi Giordano)

Lorenzo Insigne da un mese e mezzo a questa parte è l’ombra di se stesso. Prestazioni sempre al di sotto della sufficienza e prestazioni per certi aspetti irritanti. Non sappiamo se sia un calo atletico o sia qualcos’altro. Probabilmente sta sentendo la pressione di giocarsi l’europeo, perché sta giocando poco per la squadra, si sta perdendo in giocate personali fine e a se stesso facendo arrabbiare non poco i compagni di squadra e gli stessi tifosi. Al punto che Mertens sta facendo molto meglio di lui, soprattutto sta facendo i gol e sta dimostrando di avere una condizione psico fisica migliore del frattese. Giustamente a Roma ha perso il posto, Sarri gli ha restituito la maglia da titolare contro l’Atalanta, ma alla fine è stato ancora lui a deludere. A danneggiare la sua immagine ci si mettono anche i procuratori che parlando tutti i giorni nelle radio si dicono sorpresi delle critiche ad Insigne e delle panchine di Lorenzo. Forse lo stessi Lorenzo dovrebbe essere piu’ umile e mettersi al servizio della squadra, di tornare ad essere lo splendido giocatore del girone d’andata. Al Napoli serve il miglior Lorenzo.

    

DIFESA(Avv. Antonio Lembo)

Dire che la rovina dei calciatori sono agenti e procuratori è sicuramente una delle frasi più azzeccate nel caso di Insigne, ma spesso anche un alibi. Nell’ultimo periodo sicuramente sono troppe le pressioni che Lorenzo sta subendo anche per alcune dichiarazioni polemiche del suo agente ma questo non lo giustifica. Non ultima quella di Lunedì scorso quando prima della diramazione delle formazioni ufficiali, si “pretendeva” la titolarità di Insigne, ingiustamente escluso a Roma secondo il suo entourage. Risultato? In campo è andato un Lorenzo che voleva strafare ma che alla fine ha concluso poco. Ma le ragioni sono forse anche altre. In primis il pensiero fisso dell’Europeo che sicuramente non sta giovando al ragazzo. Subito dopo la parentesi in Nazionale di metà Marzo si è visto, infatti, un giocatore più nervoso, invece che più sereno. Ha segnato un solo gol su rigore contro il Verona e non ha saputo più mostrare quella brillantezza che lo aveva contraddistinto fino a Febbraio. Aggiungiamo poi la delusione del mancato obiettivo Scudetto che può aver inciso e non poco su un giocatore che sente molto il “calore” della piazza partenopea che lo limita anche in queste occasioni visto che, da “uomo di Napoli”, non gli si perdona davvero nulla…..Attendiamo il miglior Insigne sin da Torino, gara che vale una finale.

 

Translate »