ANTEPRIMA. QUIQUE FLORES (ALL. BENFICA): "NAPOLI-BENFICA FINALE ANTICIPATA, SIAMO FAVORITI DAL RITORNO IN CASA"; COELHO (BENFICA): "SORTEGGIO NEGATIVO, IL NAPOLI HA UNA TIFOSERIA TRA LE PIU’ NUMEROSE D’ ITALIA"

Francisco Quique Flores allenatore castigliano del Benfica in ordine al sorteggio ha dichiarato: "il Napoli è un avversario molto forte, potevamo prendere squadre molto piu' abbordabili, non è partita da primo turno di Uefa, puo' considerarsi una finale anticipata. Noi dobbiamo sempre avere le nostre due parole d' ordine: concentrazione e fiducia. Non c'è un favorito, andiamo a giocarci le due partite, diciamo che abbiamo il ritorno a Lisbona e questo ci conferisce un vantaggio."

Il dirigente Laurenco Coehlo dice la sua dopo il sorteggio contro il Napoli:" Se dicessi che abbiamo avuto un sorteggio favorevole direi una bugia, c'erano avversari molto piu' accessibili, il Napoli sta tentando di ritornare quello del passato. Inoltre è tra le cinque societa' con piu' tifosi in Italia, non sarà affatto facile."

 ALLA SCOPERTA DEL BENFICA

Dai sorrisi ai timori. Dall’euforia per la goleada al Vllaznia ai crucci destati dal prossimo avversario europeo. L’urna di Montecarlo si è rivelata tutt’altro che benevola: il Napoli sfiderà il Benfica, glorioso nonché pluridecorato club portoghese. L’andata è prevista al San Paolo per il 18 settembre; ritorno il 2 ottobre in terra lusitana. Fondato nel 1904, “O Maior Clube do Mundo”, come definito dal campanilistico motto che campeggia sulla home page del web-site delle “Aquile”, alberga di fatto nel novero dei più titolati club del Vecchio Continente: 31 campionati nazionali, 24 coppe nazionali, 4 supercoppe, 2 Coppe dei Campioni(1960/61 e 1961/62) e 1 Coppa Latina. Numeri che non lasciano adito ad alcun tipo di contraddittorio, così come la sfilza di campioni che negli anni hanno difeso i colori dei “Diabos Vermelhos”(Diavoli Rossi): dalla “Perla nera” Eusebio a Joao Pinto, da Paulo Sousa a Futre, da Rui Costa ad Aldair, da Caniggia a Preud’Homme. Le grandi firme non sono tuttavia assenti nella rosa allestita per la stagione appena inaugurata. Complice il deludente quarto posto della passata stagione, il patron Luis Filipe Vieira ha fatto le cose in grande: in riva al Tago sono giunti autentici pezzi da novanta del calibro di David Suazo, Pablito Aimar e Josè Antonio Reyes. “Change” anche in panchina, sulla quale siede l’ex tecnico di Getafe e Valencia Quique Sanchez Flores. Il modulo prediletto è un pratico 4-4-2, nel quale rivestono un ruolo predominante il solido difensore centrale carioca Luisao, la mezzala greca Katsouranis, l’esperto centravanti Nuno Gomes nonché il neocampione olimpico Angel Di Maria. Per il match-winner della finale olimpica si prospetta pertanto una sfida nella sfida con il connazionale Ezequiel Lavezzi, cui ha sfilato i gradi di titolare nel corso della kermesse cinese. Dopo la stecca all’esordio nella SuperLega Portoghese(1-1 sul terreno del Rio Ave; Nuno Gomes), le Aquile sono chiamate alla vittoria nella super sfida casalinga contro il Porto in programma domani all’ “Estadio da Luz”. Impianto all’avanguardia(sede peraltro del trionfo ellenico nella final-act di Euro 2004), ha una capienza di oltre 65.000 spettatori. 

   

Translate »