NAPOLI VISIBILE SOLO SUL SATELLITE,QUALI I PERCHE’

Nell’era della multimedialità, il calcio non poteva restare a guardare. Oramai è noto a tutti che i principali introiti per le società calcistiche derivano dalla cessione dei diritti televisivi. E per televisione oggi s’intende non più solo quella in chiaro e visibile a tutti (che poi è la meno redditizia), ma soprattutto quella criptata che ha in Sky l’azienda che fa la voce grossa, anche se l’introduzione della TV digitale le ha procurato più di qualche grattacapo. Senza dimenticare che internet fa passi da gigante e anche sul web è possibile vedere partite di calcio. Da uomo di comunicazione e di strategie commerciali, Aurelio De Laurentiis osserva con attenzione l’evoluzione del settore e prova ad ottenere il massimo dal suo Napoli Soccer che, seppur in C, alletta parecchio le pay-per-view.

Per ora il Napoli ha sottoscritto soltanto il contratto con Sky (2 milioni di euro) che consentirà alla tv di Murdoch di trasmettere tutti i match degli azzurri sui canali "calcio". Ma De Laurentiis non si fermerà a Sky. Mediaset si è fatta sotto per il digitale terrestre, respinta un’offerta pluriennale da 750 milioni annui. "I contratti li stipulo annualmente e facendo attenzione a quanto mi viene offerto. Non svaluterò mai il prodotto Napoli. Con contratti lunghi rischio di guadagnare molto di meno rispetto a ciò che potrei incassare anno per anno", il ragionamento di De Laurentiis non fa una grinza. E se da un lato il sontuoso accordo con Sky lo frena leggermente nella trattativa col digitale terrestre, dall’altro è evidente che anche dalla nuova frontiera del calcio criptato intende rimpinguare le casse del club. "Credo molto nel digitale terrestre", ripete spesso il produttore cinematografico lasciando intuire che prima o poi il matrimonio si farà. Per ora, il numero uno partenopeo non ha affrontato il discorso relativo ad Internet e alla trasmissione del Napoli su Rosso Alice o su altri portali, come avviene per la Serie A di calcio e basket (costo abbonamento Alice: 4 euro al mese). Ma la frontiera internet alletta molto il patron azzurro che probabilmente penserà a questa soluzione dopo la nascita del sito ufficiale del club azzurro.

I prezzi bassi che offrono il digitale terrestre (5 euro a partita) ed internet rispetto a Sky impongono a De Laurentiis più attenzione nella cessione dei diritti del club anche ad altri canali, i quali potrebbero sottrarre abbonati a Sky che da subito ha avuto fiducia nel Napoli malgrado la categoria. E allora il patron –sapiente uomo di marketing- sta dosando le mosse, scruta la situazione ed alla fine saprà trovare soluzioni che non scontentano nessuno. Dalla TV ad internet e quindi ai milioni di tifosi azzurri in giro per il mondo. Basta attendere solo un po’ e poi il Napoli si potrà vederlo anche sui cellulari…

Translate »