Rrahmani da oggetto misterioso a top player

Amir Rrahmani è stato oggetto misterioso per il Napoli fino a qualche tempo fa. Poche gare giocate e quasi mai dall’inizio, un errore abbastanza grave all’esordio, poi prestazioni sempre in salita. Successivamente, causa infortunio di Kalidou Koulibaly e la positività al covid di Maksimovic, il mister è stato costretto a schierarlo accanto a Manolas.
Quello con la Juventus al Maradona e quello con la Fiorentina al Franchi, sono stati i due rigori pesanti: procurati entrambi dal kosovaro, che Gattuso considerava come quarta scelta in difesa. Poi ottime prove e anche grande determinazione in area avversaria. Due penalty decisivi per la scalata del Napoli in Champions League.

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il terzo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Translate »