L’eventuale quarto posto deve salvare Gattuso. Si o no?

ACCUSA(PM LUIGI GIORDANO)

La doppia vittoria contro Milan e Roma aumenta solo il rammarico per la stagione che doveva essere e non assolve affatto Gattuso. Anzi lo colpevolizza ancora di più. Il Napoli non è rosa che deve stare a sei punti dal Milan. Assolutamente no, è una rosa che deve stare tra le quattro di champions senza alcun problema . E’ inutile dare l’alibi degli infortuni a Gattuso, tutte le squadre li hanno avuto. Gattuso è uscito in malo modo dall’Europa League dove sicuramente si poteva fare un percorso migliore. Si potrà dire ha avuto infortuni nello stesso settore ossia in attacco, ma Pioli per due mesi ha giocato senza Ibra e Rebic ma ha continuato a vincere, si è industriato tatticamente, creando la cooperativa del gol, al punto che i gol glieli hanno fatti tutti nella rosa. Invece Gattuso è andato completamente in tilt, non riuscendo a trovare soluzioni alternative alle assenze. Per battere Spezia, Torino, Granada, Verona non si può richiamarsi alle assenze in avanti. Gattuso ha dilapidato le risorse fornite dalla società per disputare una stagione esaltante. Rincorrere un quarto posto quasi come una chimera, e magari riuscirci, non sarà nessun miracolo, in quanto era ed è l’obiettivo minimo con questo potenziale. Quindi l’esonero a fine stagione è pienamente meritato

DIFESA(AVV. ANTONIO LEMBO)

Galeotta fu la chiamata o meglio la non chiamata del Presidente nella settimana di Gennaio in cui Gattuso e il Napoli stavano per sigillare il loro accordo pluriennale. La sconfitta di Verona e nella Supercoppa a seguito delle quali Aurelio De Laurentiis ha iniziato il suo giro di consultazioni  per un eventuale ribaltone in panchina ha segnato profondamente un personaggio sanguigno come Gattuso. Lo scorso anno il tecnico calabrese con la conquista della Coppa Italia convinse la società a ripartire da lui la ricostruzione per una stagione che ci si aspettava sarebbe stata diversa. Le premesse c’erano tutte ma non si può non pensare che nel momento clou sono venuti a mancare prima gli attaccanti, poi i centrocampisti e poi i difensori. L’Inter ad esempio non ci sembra abbia fatto a meno per tre mesi di Lautaro e Lukaku e i nerazzurri sono in vetta anche per una sciagurata uscita dalla Champions ai gironi che se fosse successa a Napoli avrebbe scatenato le ira funeste della piazza. Questo si può rimproverare a Gattuso. È dovuto malamente uscire dalla EuropaLeague per ritrovare quella compattezza di squadra che può riportare il Napoli nelle posizioni che contano. Se poi aggiungiamo un Mertens finalmente decisivo, qualche dubbio che la fortuna non sia proprio stata a favore del tecnico azzurro c’è da pensarlo. Il quarto posto non è un miracolo, è l’obiettivo dichiarato sin da inizio stagione. Se Gattuso dovesse riuscire a raggiungerlo avrebbe tutto il diritto di essere riconfermato ma al momento le strade sono separate per una crepa insanabile apertasi a Gennaio. Bisogna dare il merito al tecnico ex Milan di comportarsi da grande professionista per raggiungere l’obiettivo grazie anche al pieno appoggio della squadra che ha mostrato a più riprese alla società di essere con il tecnico. A fine anno le strade si potranno anche separare consensualmente ma lo si deve fare con la Champions acquisita. Sarà poi un bel fardello per chi prenderà il posto di Gattuso e dovrà fare solo meglio e la società non potrà sbagliare scelta per non attirarsi altre critiche.

 

Translate »