SPEZIA-NAPOLI 0-0

LA SPEZIA-NAPOLI 0-0Spezia(4-3-1-2) Rubini, Fusco (dal 48′ Addona)), Gonsegno, Giuliano, Padoin, Maltagliati, Saverino, Ponzo (dal 46′ Bianchi), Varricchio, Alessi (dall’83’ Ciarcià), Guidetti. All.: Soda.

Napoli(4-3-1-2) Iezzo, Grava, Lacrimini, Montesanto, Romito, Maldonado(dal 80 Giubilato), Montervino(dal 75′ Trotta), Amodio, Calaiò, Bogliacino, Pià(dal 70’Sosa). All: Reja

Arbitro: Scoditti di Bologna

Ammoniti: Maltaglaiti, Maldonado, Montervino

Recupero: 2′ p.t; 4′ s.t

Il Napoli ha giocato con grande impegno e un’ottima partita al "Picco" di La Spezia dando l’impressione di essere la vera regina della serie C, agli azzurri è mancato solo il gol che avrebbe permesso agli uomini di Reja di chiudere già oggi la pratica supercoppa. La formula con il trequartista ha giovato agli attaccanti azzurri, Bogliacino è stato il migliore in campo e servito diversi assist ai punteros azzurri. Come detto c’è stata una sola squadra in campo ed è stata il Napoli. Gli azzurri con un Calaiò e Bogliacino molto attivi si rendono pericolosi diverse volte. Al 5′ minuto l’uruguagio dopo aver duettato al limite dell’aera con il bomber siciliano fa partire un tiro che finisce di poco fuori. Venti minuti dopo, è il centravanti ad avere una buona occasione ma il portiere ligura Rubini è bravo a deviare in angolo, è quindi Pià che di testa al 31′ e al 36′ su cross di Lacrimini e Grava che manda il pallone alto sulla traversa. Nella ripresa il Napoli aumenta la sua pressione di gioco e spreca diverse occasioni per portarsi in vantaggio. Corre il 60′ quando Montervino serve molto bene in profondità Calaiò che effettua un pallonetto di esterno sinistro ma il portiere Rubini devia in corner. Nove minuti dopo, è Pià di testa che colpisce il palo interno su cross di capitan Montervino. Sosa nel contempo prende il posto del brasiliano ed appena entrato l’arhgentino ha sul destro la palla buona ma a cinque metri dalla porta colpisce in modo scordinato spedendo il pallone alto sulla traversa. I liguri si fanno vedere solo al 72′ con un contropiede di Varricchio che però viene ben chiuso da Iezzo in uscita e successivamente un minuto dopo con un punizione di Alessi che termina fuori. L’ultima occasione del match capita all’ 84′ ancora al Napoli, Calaiò scatta sul filo del fuorigioco e da posizone defilata fa partire un diagonale che si spegne di poco al lato del secondo palo della porta difesa da Rubini. Il Napoli in conclusione ha dimostrato di essere superiore di una spanna alla formazione spezzina, il possesso palla del Napoli è stato superiore nettamente, per il retour match di giovedì se gli attaccanti azzurri saranno più precisi sotto porta non ci dovrebbero essere problemi per la conquista del trofeo.

Translate »