NAPOLI RITROVA IL BASKET E SI RITORNA A SOGNARE…

NAPOLI RITROVA IL BASKET E SI RITORNA A SOGNARE… src=

Era il 20 settembre del 2008: la Fip escludeva la S.S. Basket Napoli di Mario Maione dai campionati professionistici ed un’intera città piombava nella tristezza. Molti, infatti, erano gli appassionati che il movimento basket era riuscito a catalizzare intorno a sé, nei straordinari 6 anni di gestione Maione, in cui la Napoli dei canestri era riuscita ad ottenere una promozione in A1, una Coppa Italia e una semifinale scudetto. Ma ora finalmente il Palabarbuto tornerà a pulsare di entusiasmo grazie all’operazione guidata da Gaetano Papalia, che ha trasferito a Napoli la sua Sebastiani Basket Rieti. Un plauso va fatto anche alle istituzioni napoletane, ed in particolare a Bassolino e Ponticelli, che hanno saputo navigare sott’acqua e riportare alla fine il grande basket in città, quando nessuno ci sperava più. Non è chiaro quale sarà la denominazione della squadra (si parla di Sebastiani Napoli) e quali i colori, ma ciò che più conta è ripartire, dopo un anno di purgatorio. Poco importa se nella nuova stagione si dovrà soffrire per conservare la permanenza in A1, considerati anche i 4 punti di penalizzazione con i quali la squadra dovrebbe partire (la società in ogni caso ha già inoltrato ricorso alla Federazione, n.d.r.).

Il budget a disposizione non sarà elevatissimo e si aggirerà intorno ai 3 milioni, come dichiarato dallo stesso Papalia a “Il Mattino”, ma nel basket non vale la stessa regola del calcio, e se con competenza s’indovinano gli americani giusti, anche un’outsider può vivere una stagione da sogno, come accaduto ad Avellino appena due anni fa. Per ciò che concerne lo staff dirigenziale il Gm sarà Federico Paci, ex Scafati e Montecatini, che sarà affiancato dal Dg Alessandro Pasi, anche lui uomo di fiducia di Papalia. Il punto di partenza sul mercato riguarderà senza dubbio la scelta dell’allenatore, che non sarà Joe Bryant, padre della stella del Nba  Kobe. Il nuovo coach sarà comunque un americano con esperienza in Europa, come annunciato proprio da Papalia nei giorni scorsi, e tutte le strade sembrerebbero portare a Chris Finch. Il 38enne tecnico statunitense, ex coach della nazionale britannica e con esperienze nel campionato Inglese, Belga e Tedesco, viene considerato dai ben informati come il favorito per sedere sulla panchina partenopea, mentre più difficile sembra la soluzione Phil Melillo, ex tecnico di Siena, Pesaro e Udine. Per quanto riguarda il rooster, invece, si dovrebbe partire dall’esperta ala piccola Mario Gigena, ex Varese e Milano, già sottocontratto con la Sebastiani. Nelle ultime ore, però, si sta facendo largo anche una suggestiva ipotesi, ovvero quella del ritorno all’ombra del Vesuvio del play puteolano Valerio Spinelli, che il gm Paci ha già avuto con sé a Scafati.

Translate »