Napoli-Inter, spazio a Gabbiadini dal primo minuto

Il pre-partita del quarto di finale di Coppa Italia tra Napoli e Inter, in programma al San Paolo martedì 19 gennaio alle 20.45

NAPOLI – Sarri sceglie il 4-3-3 con Reina tra i pali. Difesa a quattro con Hysaj, Chiriches, Koulibaly e Strinic sulla fascia sinistra. In mezzo al campo agirà da vertice basso Valdifiori con Allan e David Lopez ai suoi lati. In attacco spazio al tridente composto da Gabbiadini, Higuain e Mertens.

Napoli (4-3-3): Reina, Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Strinic, Allan, Valdifiori, Lopez, Gabbiadini, Higuain, Mertens. All. Sarri

 

INTER – Mancini schiera il 4-3-3 con Carrizo tra i pali. Difesa a quattro con Nagatomo a destra e Juan Jesus a sinistra, mentre al centro giocheranno la solita coppia Miranda-Murillo. Centrocampo a tre con Felipe Melo che ritorna titolare con Kondogbia e Brozovic interni: in attacco tridente offensivo con Biabiany e Perisic e Ljajic “falso nueve”.

Inter (4-3-3): Carrizo, Nagatomo, Miranda, Murillo, Juan Jesus, Kondogbia, Melo, Brozovic, Biabiany, Ljajic, Perisic.

Kalidou Koulibaly è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli alla vigilia della gara con l’Inter: “In allenamento faccio molta fatica a prendere Higuain, sono molto felice di averlo in squadra con me. E’ importantissimo per noi, quando segna fa stare bene la squadra. Dà l’esempio a tutti. Sapevamo che la Juventus era una grande squadra e che sarebbero tornati in corsa per lo scudetto. Sarà un campionato aperto, faremo di tutto per stare lì fino alla fine e poi vedremo dove saremo. Non dobbiamo guardare la classifica e pensare a vincere le partite. Se faremo bene resteremo davanti. Proviamo a giocare il nostro calcio e proviamo a vincere domani che sarà una partita molto importante. Abbiamo fatto bene contro una squadra che ha vinto contro tutte le grandi, volevamo migliorare rispetto alla prova di Bologna. Una vittoria in rimonta è sempre più bella, è stato un grande successo. Sarri si è arrabbiato per il gol subito, come sempre. E’ normale che non è contento quando subiamo reti. Vogliamo vincere più partite possibile, abbiamo fame di vittorie. Che emozione è diventare papà E’ una grande emozione. Mia moglie mi ha chiamato sabato pomeriggio dicendomi di correre in ospedale che era nato mio figlio. Ora aspettiamo un po’ poi lo porterò al San Paolo, anche lui vuole vedere il Napoli”.

Nessuna conferenza stampa per i due tecnici.

 

Translate »