CON IL CATANIA LA SFIDA DELLE “DEMOTIVAZIONI”

CON IL CATANIA LA SFIDA DELLE “DEMOTIVAZIONI” src=

LA ROSA

 1 Albano Bizzarri (Argentina) · Portiere (’77)

 2 Alessandro Potenza · Difensore (’84)

 4 Matìas Silvestre (Argentina) · Difensore (’85)

 5 Ezequiel Carboni (Argentina) · Centrocampista (’79)

 6 Lorenzo Stovini · Difensore (’76)

 7 Giuseppe Mascara · Attaccante (’79)

 8 Pablo Ledesma (Argentina) · Centrocampista (’84)

 9 Michele Paolucci · Attaccante (’86)

10 Nicolae Dica · Attaccante (’79)

11 Christian Llama (Argentina) · Centrocampista (’86)

12 Tomas Kosicky (Slovacchia) · Portiere (’86)

13 Mariano Izco (Argentina) · Centrocampista (’83)

15 Takayuki Morimoto (Giappone) · Attaccante (’88)

17 Davide Baiocco · Centrocampista (’75)

19 Giacomo Tedesco · Centrocampista (’76)

21 Christian Silvestri · Difensore (’75)

22 Francesco Millesi · Attaccante (’80)

23 Christian Terlizzi · Difensore (’80)

24 Gionatha Spinesi · Attaccante (’78)

25 Jorge Martìnez (Uruguay) · Attaccante (’83)

26 Fabio Sciacca · Centrocampista (’89)

27 Marco Biagianti · Centrocampista (’84)

33 Ciro Capuano · Difensore (’81)

L’ALLENATORE

Walter Zenga

Nato a Milano il  28 Aprile 1960

IN SERIE A:  36 partite totali

        – 11 vinte 

        – 7 pareggiate 

        – 18 perse

CONTRO IL NAPOLI: 2 partite (1 V 1 P)

CONTRO DONADONI: Zenga e Donadoni non si sono mai affrontati

MODULO TATTICO: 3-4-1-2

GIOCATORE PIU’ IN FORMA:  Anche se come tutta la sua squadra è vistosamente calato in questo finale il calciatore più temibile e quello che può essere considerato il più in forma è sicuramente Peppe Mascara. Il suo campionato è stato strepitoso, con record personale di reti in A e tantissime segnature spettacolari. Bisognerà fare attenzione, anche perché al “Massimino” si esalta…

PUNTO FORTE: Nel corso del campionato il Catania di Zenga è stata una squadra difficilissima da affrontare. Ti studiava ed entrava come un virus all’interno dei tuoi punti deboli, annullando tutti i potenziali punti di forza, e poi ripartiva con l’esuberanza e la temerarietà che fa parte del DNA del suo tecnico. Zenga può inoltre contare su molteplici soluzioni offensive che può inserire anche in corso d’opera, con la possibilità di mettere in serio pericolo l’allegra difesa partenopea degli ultimi tempi.

PUNTO DEBOLE: Come il Napoli, il Catania ha chiuso il campionato con largo anticipo, e le quattro sconfitte consecutive lo testimoniano ampiamente. A questo proposito gioca anche l’assenza di motivazioni del tecnico Zenga, ormai al passo d’addio. Sarà quindi la gara delle squadre già in vacanza. Più che le motivazioni conteranno le “demotivazioni”…

COSI’ LO SCORSO ANNO: CATANIA – NAPOLI 3-0

CATANIA: Polito; Sardo, Stovini, Terlizzi (25'st Silvestre), Sabato; Izco, Edusei, Tedesco, Vargas (30'st Martinez); Colucci (36'pt Baiocco), Spinesi. In panchina: Rossi, Silvestri, Gazzola, Pià.  Allenatore:  Zenga .

NAPOLI: Gianello; Santacroce (24'st Grava), Cannavaro, Domizzi; Mannini (11'st Calaiò), Pazienza, Gargano, Hamsik (36'st Bogliacino), Savini; Sosa, Lavezzi. In panchina: Navarro, Contini, Montervino, Dalla Bona Allenatore: Reja.

ARBITRO: Orsato di Schio.

RETI: 4'pt Colucci, 16'pt Spinesi; 3'st Vargas.

NOTE: pomeriggio soleggiato e ventoso, terreno di gioco in buone condizioni, spettatori 18mila circa. Ammoniti: Sardo, Vargas, Sabato, Santacroce, Savini. Angoli:6-4 per il Catania. Recupero: 2'; 3'.

MARCATORI MIGLIORI: Mascara (11 reti)

SQUALIFICATI: Silvestre

INDISPONIBILI: Carboni, Ledesma, Potenza

 

Translate »