Chiellini e il buffet

Cari lettori azzurri, ben tornati ad una nuova puntata di “Reality Napoli”.

Sabato i partenopei hanno battuto la Juventus di Andrea Pirlo, il punteggio è stato di 1-0, in gol Lorenzo Insigne su calcio di rigore. Dopo un periodo non molto luminoso sia per le prestazioni offerte che per i risultati conseguiti, è arrivata una vittoria fondamentale, soprattutto perché arrivata contro la rivale di sempre. Neanche nella migliore delle ipotesi si poteva prevedere una reazione del genere, in una gara così complicata e quanto mai incerta. L’episodio del penalty concesso dal direttore di gara, è arrivato dopo che Chiellini ha letteralmente preso a schiaffi (non per farlo male) Rrahmani, su cross di Lozano in area di rigore. Proprio su questo interessante episodio si baserà l’appuntamento odierno.

Ovviamente precisando di mantenerci sempre in un ambito prettamente satirico.

Immaginiamo che durante la partita, il gran freddo ha molto provato i 22 giocatori in campo, e le due panchine per sopperire al bisogno di qualcosa di caldo, organizzano nell’intervallo un piccolo break a base di cioccolata calda e dolcetti. Dalle panchine arriva l’annuncio:

“Ragazzi all’intervallo tutti negli spogliatoi a fare un break con cioccolata calda e dolcetti.”

Insigne e Politano rispondo per il Napoli:

“Ora si che ci siamo, il freddo ed il vento che tira ci sta uccidendo.”

Per la Juventus risponde Cristiano Ronaldo:

“Per me assolutamente no, io sto a dieta, devo mantenermi leggero e scattante.”

I dolcetti e la cioccolata vengono preparate a bordo campo, ai margini del tunnel che porta agli spogliatoi, l’odore attira gli occhi di parecchi calciatori. All’improvviso però Chiellini, particolarmente stanco ed infreddolito si lancia verso il buffet, ed il povero Rrahmani riceve uno schiaffo in pieno volto:

“Il buffet è mio, sono il capitano, arriverò prima io.”

Per il momento da casa Napoli è tutto, appuntamento a settimana prossima per una nuova puntata di “Reality Napoli”.

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il terzo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Translate »