Sarri : “Non abbiamo sentito la pressione. Avrei voluto maggiore determinazione nella ripresa. Il primo gol? E’ il nostro calcio”

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa nel post-partita di Napoli-Torino : “La pressione? Non credo che ne abbiamo risentite, abbiamo fatto 60 minuti sui livelli più alti della stagione, il calo nella fase finale è dovuta ad una lavoro specifico che obbligatoriamente va fatto a ridosso delle partite a causa di questo regolamento. Il mese in cui si potrà dire che il Napoli è da scudetto? Maggio, la seconda metà. C’è rammarico per aver chiuso il primo tempo con un solo gol di scarto, poi nel finale della ripresa abbiamo pagato dazio fisicamente ma prima abbiamo commesso l’errore di pensare troppo a gestire la partita senza attaccare con decisione. Lopez dall’inizio? Valdifiori a livello di intensità e di impatto fisico ha qualcosa in meno di Jorginho, pur essendo bravissimo in fase di impostazione, ed avendo anche una partita tra 4 giorni ho scelto di dare più fisicità con David. In una sera che poteva essere difficile per una serie di fattori, risultati delle altre e impatto dopo la sosta che non è mai facile, la squadra ha dato una buona risposta, ma mi sarebbe piaciuta maggiore decisione nel cercare di chiuderla. Il gol di Insigne? L’azione è stata bellissima, che ha riportato molto del nostro modo di giocare, impreziosita dalla conclusione di Lorenzo. Callejon trequartista? E’ stata una scelta tattica per non lasciare solo Gonzalo contro i loro tre difensori centralmente. La nostra rosa? Siamo partiti con determinati obiettivi, non possiamo avere la competitività di Roma e Juventus, ma io sono contento di questo gruppo, non per i risultati, ma perchè con questo gruppo mi diverto allo stadio e in allenamento; mettere Chalobah stasera mi ha dato una grandissima soddisfazione, questa squadra mi stimola a fare sempre meglio”.

Translate »