NAPLES, ITALY - OCTOBER 01: Lorenzo Insigne of SSC Napoli in action during the Serie A match between SSC Napoli and Cagliari Calcio at Stadio San Paolo on October 1, 2017 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Preview Parma-Napoli, le statistiche del match

Comincia dal Tardini di Parma la nuova stagione del Napoli di Gattuso. Tante le aspettative sui partenopei, chiamati a riscattare la scorsa annata in chiaroscuro: gli azzurri hanno tutte le carte in regola per puntare ad uno dei primi 4 posti della Serie A che garantirebbero il ritorno in Champions League. Per cominciare il cammino nel migliore dei modi bisognerà interrompere la striscia di due sconfitte di fila contro i ducali (vincitori, quindi, di entrambe le sfide dell’ultimo campionato), senza dimenticare che mai nella storia il Parma ha battuto tre volte consecutivamente il Napoli. Non solo: i partenopei hanno chiuso la scorsa Serie A con due k.o. in trasferta (Parma e Inter), per arrivare ad una serie di tre battute d’arresto consecutive bisogna andare indietro fino al 2016 (Udinese-Inter-Roma).

E’ la prima statistica di rilievo di uno dei match più importanti di questa prima giornata, andiamo a ricapitolare le altre per fornire qualche indicazione anche agli appassionati di scommesse che si rivolgono ai bookmakers e ai casino migliori italiani affidabili sul web.

Gli esordi in Serie A

Per il settimo anno di fila, il Napoli comincia il campionato in trasferta: nelle ultime tre stagioni sono arrivate tre vittorie, l’ultima nell’agosto scorso quando gli allora uomini di Ancelotti la spuntarono sulla Fiorentina con un rocambolesco 4-3. Per contro, il Parma non ha un gran feeling coi debutti stagionali: nelle ultime 18 “prime”, i ducali hanno vinto soltanto in un’occasione (nel 2010, col Brescia), pareggiando in 13 occasioni e perdendo in 4. In assoluto, il Parma – tra le squadre che hanno accumulato almeno 8 campionati in Serie A, vanta la maggior percentuale di pareggi alla prima giornata (57,69%, 15 su 26).

Non è tutto: le due squadre si sono già affrontate all’esordio: successe nel 1996, il Parma stravinse al Tardini con un rotondo 3-0.

Nemmeno gli allenatori, d’altronde, vantano dei debutti indimenticabili: Gattuso e Liverani non hanno mai vinto nei loro esordi in Serie A. Il tecnico degli emiliani ha perso alla prima uscita sia col Genoa, nel 2013, che lo scorso anno col Lecce. Gattuso partì a Napoli con un k.o. interno proprio col Parma, mentre nei due campionati col Milan rimediò un solo pareggio (quello “storico” del Benevento che conquistò il primo punto in Serie A grazie al gol nel recupero del portiere Brignoli).

Restando in tema di debutti stagionali, occhio a Lorenzo Insigne: il capitano del Napoli nelle tre ultime occasioni ha segnato 3 gol e fornito altrettanti assist. Per lui sarà anche la partita ufficiale numero 350 con la maglia del Napoli.

Arriveranno i gol?

Interessanti anche le statistiche relative ai gol. Il Parma ha segnato in 17 delle ultime 18 volte in cui ha ospitato al Tardini il Napoli, l’unica volta che gli azzurri sono usciti con la porta inviolata accadde nel febbraio 2019 (4-0 firmato Zielinski, Milik, Milik e Ounas). 

Interessante anche il dato che vuole il Parma protagonista di un “gol-gol” nelle ultime 13 giornate dello scorso campionato (4 vittorie, due pareggi e 7 sconfitte), col 2-1 che maturò in 6 occasioni.

Nello scorso campionato, il Napoli è passato in vantaggio in 19 occasioni, vincendo 14 volte: è stata la terza miglior percentuale dell’intera Serie A. A proposito di “gol-gol”: è la combinazione che è arrivata anche in sette delle ultime nove giornate dell’ultimo campionato e in otto degli ultimi 10 esordi stagionali degli azzurri.

Occhio a Cornelius, rivelazione della scorsa annata in casa Parma e autore di 12 gol: il record degli ultimi anni tra gli emiliani appartiene a Giovinco che arrivò a quota 15 nel 2011-12.

Translate »