LEGIONE D’ASSALTO

Quando la qualita' paga, in 50.000 per l'effetto del Lavezzi show di Udine, prova di riconferma per il Napoli oggi contro la Sampdoria, da sempre "bestia nera" degli azzurri al San Paolo, dai tempi di Battara portiere doriano a quelli del grande Diego, difficilmente si è avuto la meglio su questa compagine, ma cio' non toglie che lo "sfizio" e la possibilita' di batterla c'è sempre.

Cinquatamila, già, gli spettatori di Lazio-Empoli e Siena-Milan messi insieme e forse non bastano, nel caso si era in cerca di una eventuale ed ulteriore conferma, basta poco a Napoli per rispondere presente, la giornata ancora da mare, non ha impedito agli "aficionados" di gremire il San Paolo, per vedere all'opera Lavezzi, Zalayeta, Gargano, nuovi idoli di questa stagione 2007-2008, le movenze del primo, molto simile ad una persona di nostra conoscenza, il passo felpato da "pantera nera" del secondo e il moto perpetuo del terzo, saranno le curiosità di maggior richiamo, andiamo a vedere questo saggio calcistico, Samp permettendo.

Partiti, subito un brivido per il Napoli, Caracciolo tira alto alla sinistra di Iezzo, ma il Napoli non ci sta, ed ecco Lui, Lavezzi, che s'invola sulla sinistra crossa al centro per la testa di Zalayeta, di poco fuori. Il Napoli c'è, è una partita maschia, gli azzurri impensieriscono non poco la retroguardia blucerchiata il pubblico si diverte ed incita a gran voce gli azzurri che giocano e divertono, non c'è che dire davvero un bel Napoli, traversa di Zalayeta su una punizione battuta da Hamsik al 18°, Reja smette la giacca, il caldo e le magiche giocate di Lavezzi gli fanno salire l'adrenalina, tocchi di prima ed in velocità, Signori questo è il Napoli, Lavezzi semina il terrore tra i difensori doriani, la palla gli rimane incollata al piede, fa quello che più gli piace, dribbling e terrore per gli avversari, un ira di Dio, uno spettacolo per gli occhi e gli amanti del calcio.

42°, Zalayeta, porta in vantaggio il Napoli, madornale errore di Pastrini e Castellazzi e la pantera nera non perdona, Napoli in vantaggio.
Nonostante il vantaggio e il gran caldo, il Napoli lotta e pressa a tutto campo, la Samp cerca le ripartenze veloci ma la difesa azzurra è un bunker, dopo quattro minuti di recupero, Gava di Conegliano veneto fischia la fine del primo tempo.
Il presidente De Laurentiis, costretto ad una levataccia, alle sei del mattino, per seguire l'incontro, sarà senz'altro contento della prestazione del suo Napoli, si riparte ed il Napoli non cambia musica, aggrediti gli spazi e gioco sulle fasce, baricentro alto, Signori che Napoli, Castellazzi chiamato ad un super lavoro, il pubblico!!! si diverte ed incita che è un piacere per le orecchie, mai domo, mai un attimo di tregua, un incitamento continuo, un connubio pubblico- squadra sempre più saldo, "Non molleremo mai" urla il San Paolo, e gli azzurri si divertono che è una gioia vederli giocare, Lavezzi non da punti di riferimento agli avversari, svaria su tutto il fronte d'attacco seminando il terrore alla retroguardia doriana.

Manovra avvolgente del Napoli che crea e purtroppo sciupa tante occasioni gol, prima con Hamsik, Gargano, Zalayeta poi, che Napoli, devastante, legionenel frattempo nella Samp esce Montella ed entra Bellucci, ed Hamsik insacca il 2-0, che classe, una azione da favola per un gol altrettanto da favola, che calcio spettacolo, non sapremo mai dirvi dove potrà arrivare questa squadra, ma una cosa possiamo dirvela a caratteri cubitali, CI DIVERTIREMO !!!, Lavezzi idolo incontrastato, Hamsik il ragioniere del centrocampo, Gargano settepolmoni, Cannavaro, Domizzi, Cupi, Grava e Iezzo, vere saracinesche, un Napoli così non lo si vedeva dai tempi di sua Maestà Diego, forse qualcuno ci darà del blasfemi, ma noi amiamo questa maglia, viviamo per Lei, piangiamo e ridiamo per Lei, siamo napoletani fino al midollo osseo, Hamsik e Lavezzi escono tra scroscianti applausi, mentre una fitta rete di passaggi degli azzurri scatenano gli olè dei tifosi azzurri, finisce la partita tra gli applausi convinti del pubblico, Signori in piedi e battete le mani, questo è un Signor Napoli.

Translate »