Filardi: “Napoli senza cattiveria né leader. Finezze? Ai miei tempi…”

L’ex difensore del Napoli Massimo Filardi ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Goal su Kiss Kiss Napoli: “Il Napoli ha praticamente gli stessi problemi dell’anno scorso: prima vive di grandi entusiasmi, poi si perde contro le piccole. In questa squadra non ci sono trascinatori, ciò che manca è soprattutto la mentalità dei leader, il che dà la sensazione che questo collettivo sembra quasi sempre accontentarsi. Vorrei dire che a Napoli, quando ho vinto lo Scudetto, a trascinarci non c’era solo Maradona, ma anche Bruscolotti, Bagni, Giordano e tanti altri; e in allenamento c’era grande agonismo: non esistevano amichevoli perché, giocando sempre per sbranare l’avversario, i nostri allenamenti spesso finivano in rissa data la molta foga. Nel Napoli attuale, invece, vedo troppi bravi ragazzi. Quando giocavo in azzurro da giovane non potevo certo permettermi di fare colpi di tacco e simili: mi avrebbero appeso al muro. In allenamento, al contrario, si doveva lottare fino alla morte. Alla rosa azzurra mancano elementi fondamentali; certo, l’allenatore può contare fino ad un certo punto, ma la vera differenza la fanno i giocatori. Inler, ad esempio, non lo vedo carismatico e spesso viene accantonato. Nella scorsa stagione c’era un certo Reina, ma ce lo siamo fatti scappare. Higuain, forse, si avvicina un po’ al portiere spagnolo, ma in linea mediana occorrerebbe un tipo tosto“.

Translate »