CORBO: "MAZZARRI, UN SUCCESSO DA SPIEGARE MEGLIO"

Nella sua consueta rubrica Il Graffio dalla pagina napoletana di Repubblica, Antonio Corbo analizza la vittoria del Napoli sulla Juventus nella finale di Coppa Italia, dando altresì alcuni consigli sulle future mosse che la società potrebbe compiere in futuro: "La Coppa Italia regala al Napoli un allenatore e un giocatore. Ho spesso criticato Mazzarri per il suo immobilismo tattico. Con la stessa oggettiva lucidità bisogna riconoscergli il merito di aver sfruttato il lato debole della Juventus. Conte era costretto a far giocare Del Piero, brutalmente liquidato dalla Juve. Della sua presenza Conte avrebbe fatto volentieri a meno. Coppa Italia persa: è il prezzo del compromnesso. Troppo tardi ha tirato via il campione juventino dopo oltre 700 gare. Mazzarri si è rivelato ancora più cinico: su Del Piero defilato a centrocampo, inerme e inutile, ha costruito il trionfo.Campagnaro l’ha marcato da lontano per dedicarsi ad un altro compito: mediano aggiunto. Ora ha l’uomo giusto per sostituire Maggio. E il Napoli sa che può contare su Mazzarri che raramente si era distinto per una illuminazione tattica. Suoi meriti sono altri: la buona preparazione nei giorni feriali e le forti motivazioni al gruppo. L’euforia non distragga De Laurentiis: rimetta ordine in società con un direttore dell’area tecnica per non appesantire le responsabilità di Mazzarri. Bigon non ha poteri per essere decisivo. Lo dimostrano le sue campagne. È ancora presto per fare doi Mazzarri il secondo Ferguson. Lasciate che vinca tanto, ma tanto ancora, come stavolta con la Juve. Mai vittoria è stata più meritata e pronfonda. Avanti così. Ma a ciascuno il suo ruolo. Presidente, manager, allenatore".

V.G. (corbo.blogautore.repubblica.it)

Translate »