FC Basel's coach Paulo Sousa pauses before their Champions League Group B soccer match against Liverpool at St. Jakobs-Park stadium in Basel October 1, 2014. REUTERS/Arnd Wiegmann (SWITZERLAND - Tags: SPORT SOCCER HEADSHOT PROFILE) - RTR48K3R

Sousa: “Il Napoli è stato costruito per vincere gli scudetti. Kalinic non è un problema”

Paulo Sousa in conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Fiorentina:
Preparazione?

“Sono state settimane più o meno identiche di quelle passate. Abbiamo cercato di lavorare in base anche a chi avevamo, anche grazie al livello mentale e fisico. Abbiamo più tempo di lavoro insieme e anche le partite portano un livello condizionale diverso”.

Napoli e Sarri?

“Quello che mi incuriosisce di più e quello che una buona parte di giocatori ha avuto un approccio diverso in base anche alla preparazione all’Europeo. Certe volte fermarsi è importante ma quando hai tempo per lavorare ma non li abbiamo avuti questi tempi e anche l’interazione è impossibile farli così, quindi il lavoro è stato più individuale ma mantenendo una certa intensità, mentale e fisica. Per me è stato un piacere essere qua in Italia e conoscere dei colleghi bravissimi, dove prendono delle decisioni importanti e di altissimo livello. Grazie a questo ho possibilità di migiorarmi, anche grazie a Sarri che sta facendo bene e con una squadra informissima e di grade livello”.

Grande convinzione anche grazie a te?

“Fondamentale! Quando vuoi fare qualcosa se non sei convinto rimani sempre a metà strada e mai arrivi. La chiarezza di idee però è importante. Noi dobbiamo avere una logica. Dobbiamo sostenere la cratività del singolo dove può esprimersi al meglio. Lavorare sull’individuale è importante. Dobbiamo sperimentare! Certo che le vittorie portano ancora più fiducia”.

Come sono rientrati i nazionali? Kalinic?

“In generale bene e sono tutti in condizione. I sudamericani sono arrivati più tardi e hanno passato un giorno per il viaggio ma solo abituati e non patiscono tanto questi cambi orari, stanno bene. Nikola ha preso una botta nel muscolo e ciò ha avuto ripercussione sulla partita e questo implica un ematoma, ma non è un problema”.

Perché si parla di Napoli e non di Fiorentina? E’ un bene?

“Il miglior bene, vince! Poi è normale, si parla di cultura e storia di società. Il Napoli è costruito per vincere gli scudetti e quest’anno può fare questo, ma noi tutti possiamo migliorare anche se non da un giorno ad un altro ed ciò che ti fa arrivare ad una credibilità nazionale. Lavoriamo insieme per questo riconoscimento”.

(fonte: fiorentina.it)

Translate »