Sarri in sala stampa: “Bisogna avere pazienza con i nuovi acquisti. Non parlo di scudetto, mi gratto le p….”

Parla Sarri in sala stampa:

Perchè hai inserito Milik nella ripresa? “Ci siamo abbassati ad un certo punto, la partita non è stata messa al sicuro e quindi Milik era più adatto in quel momento. Gabbiadini è importante per noi, ad un certo punto sarà determinante, speravo nel gol in modo da scrollarsi le paure e sono contento sia andata così”.

Nel finale perchè non inserire Giaccherini? “Stiamo ruotando 18 giocatori più pronti, Giaccherini e Tonelli hanno avuto lunghi infortuni, si allenano da una decina di giorni con continuità, Maksimovic è arrivato all’ultimo giorno di mercato, viene da una difesa a tre, un minimo di pazienza per inserirli. Abbiamo fatto sei gare di campionato, ma se conti i giorni in cui sono stati qui e come se fossimo al 26 luglio. Si gioca ogni tre giorni, ma siamo all’inizio. Rog è arrivato il 9 settembre qui, da un altro calcio e da un’altra lingua. Ne abbiamo ruotati 18, speriamo nel prossimo bloccano possano diventare 21-22”

La Curva le ha dedicato uno striscione, non capita spesso a Napoli, e dopo la posizione di De Laurentiis. “A Napoli non era mai capitato un tecnico tifoso del Napoli sin da bambino, quindi mi sentono più vicino a loro. Io qui ci ho visto la Coppa Campioni, ci ho visto Napoli-Real Madrid. L’interpretazione delle mie parole non era però quella che è stata data, ma che in partite in cui si chiede sempre dell’arbitro dopo certi episodi a quelle domande rispondesse la società. Poi tutti hanno dato l’interpretazione di una richiesta di intervento contro gli arbitraggi. Al presidente è arrivata l’interpretazione comune data, ma lui non ha espresso parole diverse dalle mie. Il presidente poi non ha mai parlato di scudetto, ma di un sogno, io ho parlato di quinto monte stipendi, non è una opinione, è un numero”.
Sul non aver chiuso il match: “Serve un pizzico di cattiveria in più. In alcuni momenti sembra che ci accontentiamo di essere belli e capita di perdere il controllo del match senza più verticalizzare. Possiamo crescere ancora a livello di mentalità”.

Sulla posizione di Giaccherini: “Può essere un equilibratore proprio come a volte è Callejon. Avrà meno attacchi alla profondità, ma sa gestire bene palla, può darci equilibrio”.

Non parlerà più di arbitri? “Mi farebbe piacere non parlarne, ma a volte diventa inevitabile. Capitano 2-3 partite l’anno in cui tutte le domande sono sull’arbitro”.
Ulivieri ha parlato di un accordo tra gli allenatori per non parlare di arbitri dopo le partite. “Per questo chiedevo l’intervento di un esponente della società. Non c’ero comunque nell’ultima riunione, non so cosa ha detto Renzo Ulivieri”.

Mister, non ci ha dato un titolo. Se le dico scudetto cosa risponde? “Mi tocco le p… (ride, ndr), ora puoi fare il titolo (ride, ndr)”

Translate »