Napoli, Petagna: “Voglio segnare tanto, dobbiamo tornare in Champions”

Andrea Petagna, attaccante e neo acquisto del Napoli, ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli:

Subito ottimo impatto per te…

“Sono contento dei complimenti dei tifosi, spero di conquistarli nelle partite ufficiali. Mi sto integrando in questo gruppo fantastico, non vedo l’ora che inizi il campionato”.

Cresce l’intesa con i compagni?

“Per me è un onore giocare in una grande squadra, giocare insieme ad Insigne e Mertens. Li ho sempre ammirato in tv e quando ci ho giocato contro. In attacco c’è tanta competizione ed è importante perché si rende meglio”.

Quali sono le due doti migliori in campo?

“Ho letto tante cose su di me, io non sono solo l’attaccante di peso. Apro gli spazi, gioco per i compagni. Chiaramente un centravanti deve fare anche gol, sono migliorato anche in zona gol e posso migliorare ancora. Ma le mie caretteristiche sono quelle di aprire spazi e fare assist per i compagni”.

Un pensiero all’Europeo?

“Assolutamente, è un mio obiettivo. Quel sogno passa per il Napoli: se farò bene con questa maglia la nazionale sarà una conseguenza”.

Gattuso è stato determinante?

“Ho avuto la fortuna di potermi allenare con lui quand’era ancora un giocatore del Milan. E’ un esempio per tutti per la sua voglia di non mollare mai, lo era da calciatore e lo è da allenatore. Trasmette carica ed energie, voglio seguirlo perché con lui posso migliorare. Io sono a disposizione, quanto giocherò lo deciderà lui. Io sono contento”.

Hai subito voluto conoscere la città

“Ero molto curioso di vedere Napoli, è una città meravigliosa ed ho avuto un impatto bellissimo. Non vedo l’ora che arrivi la mia famiglia. È la prima volta che sono lontano da casa e non mi manca casa. Ho diversi parenti del Sud, mi sto sentendo a casa”.

Il Napoli ti ha voluto fortemente, ti avrebbe voluto anche a gennaio.

“Ho letto tante cose, nel calcio si parla tanto. Ho fatto trenta gol negli ultimi due anni, il Napoli mi ha voluto. Giuntoli crede fortemente in me, me lo ripete ogni giorno. Se giocherò un minuto o tutte le gare dipenderà da me. Sono davvero contento di essere qui, purtroppo non sono potuto venire a gennaio ma adesso sono qui e non vedo l’ora di cominciare”.

Obiettivi di squadra e quelli personali?

“Il Napoli è una grande squadra, dobbiamo ritornare in Champions perchè il Napoli deve stare tra le prime quattro. L’Europa League è un obiettivo importante, siamo attrezzati per giocare diverse partite. Il mio obiettivo personale è mettermi a disposizione della squadra, fare tanti gol e aiutare la squadra a vincere”.

Ti spaventa la concorrenza?

“Nelle grandi squadre ci sono tanti giocatori, la concorrenza è normale ed aiuta i calciatori a migliorarsi. Ho tutte le carte in regola per giocarmela con tutti. Sono tutti dei grandissimi giocatori, Mertens e Insigne sono due campioni assoluti che stanno facendo la storia del Napoli”.

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il terzo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Translate »