Mauri: “Crediamo alla Champions”

Stefano Mauri, capitano della Lazio, è stato ospitato all’interno della trasmissione “Tiki Taka” in onda su Italia Uno. Tanti gli argomenti trattati, in primis quello del Derby pareggiato 2 a 2 contro la Roma.

Si parla degli episodi di Napoli- Juventus “Secondo me è molto semplice, basti guardare Koulibaly. All’inizio ci prova, poi si fa una risata perchè capisce che ha fatto fallo

Ci credete alla Champions? “Si soprattutto ad inizio camponato abbiamo fatto solo tre punti, poi abbiamo giocato su altri ritmi, peccato per le rimonte con Roma e Inter. Nel primo tempo contro i giallorossi abbiamo giocato su altissimi ritmi. L’esultanza? Preferisco non dirlo è una cosa mia e di un’altra persona quindi me la tengo per me, la sanno in pochi. La Champions? Preferisco giocarla”.

Sul carcere “E’ una esperienza che non auguro a nessuno, è andata così bisogna guardare avanti

Felipe Anderson che ne pensi della sua esplosione? “Lo dicevo anche lo scorso anno che sarebbe esploso. Lo vedo sempre in allenamento, ha delle grandissime qualità è molto giovane, ha bisogno di sentire la fiducia dell’allenatore e della squadra, prima giocava molto sul dribbling, ora è più concreto. Dopo che lo ha capito,stanno venendo fuori le sue qualità

Qual’è il segreto di questi 7 gol in campionato? “Mi sento bene, forse è il matrimonio ha ragione Melissa Satta (ride ndr)”.

Da Capitano a Capitano? “Si Totti è un grandissimo giocatore, non sono io a doverlo dire. Sefie? Io non lo avrei mai fatto, ma abbiamo caratteri diversi”.

Dove arriva la Lazio? Voglio arrivare in Champions, puntiamo a questo traguardo, vogliamo rimanere lì al terzo posto. Inter e Milan hanno avuto rsultati altanelanti, la squadra di Mancini si è rinforzata molto in questo mercato invernale.Lazio-Napoli? Pronostici non ne faccio”.

Che spiegazioni date alle rimonte che subite? “Non è facile tenere lo stesso ritmo per 90 minuti. A Milano abbiamo lasciato il pallno del gioco in mano agli avversari, mentre con la Roma ce la siamo giocata. Prendere gol dopo appena due minuti non era facile, sono due partite differenti. Con la Roma ci siamo buttati avanti e forse alla fine meritavamo di vincerlo”.

fonte: cittaceleste.it

Translate »