DE LAURENTIIS LANCIA DELLE STOCCATE A NALDI

Il presidente azzurro De Laurentiis presente al Comune per l’audizione innanzi alle commissioni consiliari per la concessione del San Paolo ha rilasciato pepate dichiarazioni.

"Abbiamo la voglia che le istituzioni lavorino con noi se vogliamo fare una grande squadra che rappresenti una grande città come Napoli. Nella mia convenzione è previsto l’ uso del San Paolo per gli allenamenti e le partita, nonchè per organizzare gli eventi prima e dopo la partita". Poi sulle polemiche degli ultimi giorni lanciate da Naldi sui giornali – ha detto- "Non raccolgo gli strali e le polemiche di chi vuole arroventare il clima in questo ambiente, le azioni di disturbo non servono in questo momento; una volta firmata la convenzione, i lavori al San Paolo verranno eseguiti entro venti giorni dalla fine dei play off, con buona pace per il questore Fiorolli e per la salute dei cittadini che va salvaguardata. In questo modo avremo uno stadio più sicuro e bello già per il trofeo Moretti ad agosto e per il campionato a settembre". Sull’ipotesi diffida del San Paolo difende i tifosi: "i napoletani sono per loro natura rumorosi, amano festeggiare facendo un po’ di casino, purtroppo chi ci comanda viene dal Nord e non capisce il nostro modo di festeggiare, pertanto è meglio festeggiare senza farcene accorgere troppo altrimenti commetteremo un autogol."

Translate »