Benitez celebra Gerrard: “Lui, il capo della Kop sul campo…”

Nell’edizione risalente a ieri del Daily Mail, Rafa Benitez ha voluto celebrare un suo storico pupillo. Ossia Steven Gerrard, il quale a fine stagione lascerà il Liverpool dopo 17 anni. Il tecnico azzurro, legato da un rapporto strettissimo al capitano Red, gli ha dedicato un’accorata lettera nella quale esalta le doti, non soltanto calcistiche, del 114 volte Nazionale inglese: “Quando sono diventato allenatore del Liverpool il mio primo lavoro è stato quello di recarmi in Portogallo, dove l’Inghilterra era impegnata ad Euro 2004 e parlare con Steven Gerrard, Michael Owen e Jamie Carragher, che erano tutti in squadra.Stavo dicendo loro le mie idee e le mie tattiche ed erano incredibilmente attenti, analizzando tutto quello che ho detto. E poi chiesi a loro quello che potevano portare alla squadra. E prima parola di Steven era: ‘Passion’. Questo era il suo primo pensiero sempre. E per anni è stato, per il Liverpool, quasi un rappresentante della Kop in campo.E, ovviamente, è la prima parola che la maggior parte delle persone lo descriver ora che ha annunciato l’addio al Liverpool al termine della stagione. Ma importante era il suo gioco, le sue superbe qualità tecniche non dovrebbero passare in secondo piano, oltre ad abilità e la fisicità che aveva. Lui è un giocatore completo, ed è evidente visto il numero di posizioni in cui ha giocato. Nella notte più famosa, la finale di Champions League a Istanbul, ha iniziato a centrocampo prima di spostarsi a seconda punta con Luis Garcia quando Harry Kewell si è infortunato. Poi, l’allenatore del Milan Carlo Ancelotti, ha messo Serginho in campo e Steven giocato quasi come terzino o esterno.So che ha giocato centinaia di fantastiche partite con il Liverpool e anche con me ce ne sono state molte. Tutti parlano della partita contro l’Olympiakos nella fase a gironi della Champions League e la finale di FA Cup contro il West Ham nel 2006. Ma è difficile guardare al di là Istanbul quando ho scelto il mio preferito. Anche quando eravamo 3-0 a fine primo tempo, il messaggio era che se siamo in grado di segnare un gol, eravamo di nuovo nel gioco. Nel calcio, a volte, c’è un momento in cui succede qualcosa per cambiare la dinamica – e che è stato. Forse se il gol fosse stato segnato da un altro giocatore, non avrebbe avuto un bel effetto simile sulla squadra. Ma si può vedere dalla sua reazione – blandire i giocatori e il pubblico – che era una fonte d’ispirazione per tutti e da lì è partita la sensazione che la squadra poteva vincere. Dopo quella finale siamo stati fortunati, perché abbiamo lavorato con lui per altri cinque anni, visto che ha quasi lasciato il Liverpool in l’estate per il Chelsea. Alla fine la richiesta del Liverpool si è rivelata troppo alta e abbiamo avuto lunghe riunioni per cercare di spiegare i nostri piani e le nostre ambizioni e quanto importante fosse per noi.Dopo quella finale di Istanbul ha detto a tutto lo staff: “Fate di me il miglior centrocampista del mondo”. Questo dimostra come fosse ambizioso, ma anche quanto fosse disposto a lavorare. Avevamo introdotto alcune nuove idee, con uno stile più spagnolo di gioco, più di passaggio e forse meno calcio diretto. Era sempre pronto ad assorbire e imparare.So che Steven ha scherzato su quanto fosse difficile ottenere un complimento da me in quegli anni. Ma penso che si rende conto ora come altamente lo consideravo. Naturalmente, noi lo abbiamo incoraggiamo e dire: ‘Ben fatto’ – non solo tutti i giorni. Alla fine, è stato Steven che ha fatto il massimo delle sue capacità ed avevamo la fortuna di essere a posto in quella fase della sua carriera.Anche se lui stava avendo un periodo no, pensavo: “Non sta giocando bene, ma ancora devo tenerlo su, perché può segnare all’interno o all’esterno della scatola o da un calcio da fermo”. Qualunque cosa faccia nel futuro, sono sicuro che sarà un grande successo. Ed ora che si sta avvicinando alla fine della sua carriera a Liverpool, posso dire un enorme sicuro: ‘Ben fatto!’ E spera lui sappia quanto lo ho apprezzato”.

(fonte: napolicalciolive.com)

Translate »